Intendo partecipare all’azione legale collettiva2019-01-10T09:15:32+02:00

INTENDO PARTECIPARE ALL’AZIONE LEGALE COLLETTIVA FRAZIONARIA

Indubbiamente il fine del Comitato degli ex-clienti di Asset Banca è quello dell’azione legale collettiva frazionaria (ovvero gestita centralmente ma basata sulle singole azioni di rivalsa). Sia in sede penale che civile. Agendo con decine di singole denunce verso chiunque si sia reso responsabile dei crimini che hanno portato la banca alla chiusura. Nelle more di una attenta indagine che dovremo fare sulla più generale politica bancaria sammarinese che ha portato i clienti della defunta Banca Commerciale Sammarinese nelle grinfie di una seconda banca (Asset) che era in predicato di un futuro default di cui nelle alte sfere erano ampiamente al corrente da tempo. Trovandoci ora, in una potenzialmente similare situazione con Cassa di Risparmio di San Marino : “ La situazione più drammatica è quella della Cassa di Risparmio di San Marino, che viene da quattro ricapitalizzazioni in cinque anni e si è vista costretta a fare rettifiche sugli attivi per oltre 500 milioni. Sui conti gravano o gli investimenti nella bolognese Delta, nata nel 2002 come prima startup del credito al consumo in Italia, e poi commissariata. Nel buco di liquidità figurano inoltre le perdite complessive per più di 160 milioni di Asset Banca, con un deficit di capitale superiore a 60 milioni, e i circa 50 milioni che cerca Banca CIS per coprire le sofferenze.” , e sul punto invitiamo alla lettura del link dal quale abbiamo tratto la notizia:
http://www.wallstreetitalia.com/san-marino-vera-crisi-riguarda-npl-rischi-per-litalia/
Appare evidente la necessità di dover agire legalmente ed in fretta per tutelarci e per non finire travolti, con i nostri ultimi risparmi, in un tracollo bancario che dalle parole degli addetti ai lavori sembra altamente probabile (Vedi anche il paragrafo “ LE INCHIESTE GIUDIZIARIE E GIORNALISTICHE”). Un consumatore inizia questa azione giudiziaria collettiva frazionaria chiedendo al giudice la tutela di “diritti individuali seppure omogenei dei consumatori e degli utenti” contro l’impresa che li ha violati tramite l’accertamento della responsabilita’ e per la condanna al risarcimento del danno e alle restituzioni. Ognuno percepirà il suo risarcimento. Ovviamente e’ aperta la possibilita’ per i singoli di proporre successive azioni individuali. Nel caso in cui sia gia’ stata iniziata una azione giudiziaria collettiva frazionaria, il singolo consumatore che intenda far valere in giudizio il proprio diritto al risarcimento per il medesimo problema potra’: – promuovere una azione individuale contro l’impresa davanti al giudice competente per la propria residenza avvalendosi della forza legale e informativa del Comitato; – aderire alla azione giudiziaria collettiva frazionaria in San Marino ed accrescere le sue possibilità di successo in sede legale Lo schema è quello di una bomba a frammentazione, ognuno dei singoli aderenti al Comitato è una scheggia letale nel quadro di un utilizzo strategico dell’azione legale multipla contestuale unidirezioanle. Alla fine , considerato che in San Marino non c’è una norma sulla Class Action , ho ritenuto che intentare decine di cause legali arricchite dei dati conoscitivi di sistema (mutuati dal database associativo posto in condivisione dal Comitato) ed indirizzate univocamente da una regia comune verso un analogo obiettivo potesse essere un approccio giudiziariamente più efficace, anzi che le isolate azioni di rivalsa (pensate alla ottimizzazione dell’effetto conoscitivo approfondito che forniremo al magistrato che procede al perseguimento degli illeciti penali). La caratteristica che costituisce l’ulteriore vantaggio competitivo all’azione legale collettiva frazionaria è che si occuperà della gestione delle cause civili e penali sempre il medesimo gruppo di avvocati , che nel frattempo saranno diventati dei super-esperti della materia e potranno sfruttare tutte le economie di scala strategico-processuali.